Post recenti

Pagine: [1] 2 3 4 5 6 ... 10
1
PhotorailGEO / Re:027 - Milano-Como-Chiasso
« Ultimo post da MatteoR_ il 26 Settembre 2022, 17:29:33 »
Carimate, eliminare definitivamente punto foto in stazione con FV a causa di montaggio pensiline antipioggia e, credo, anche il punto in fondo al marciapiede lato nord causa presenza nuovo fabbricato impianti.
Cucciago, sono stati estesi e alzati a 55 cm i marciapiedi per cui è da rivalutare il punto-foto a metà fermata.
2
Il parco storico FS - Rotabili preservati / Re:RIEPILOGO generale - AGGIORNATO
« Ultimo post da Praz© il 23 Agosto 2022, 15:15:35 »
Riepilogo materiale aggiornato pubblicato adesso.
3
Avvistata ieri pomeriggio 189.408 in uso cfi (madd. torino)
4
La DB cargo Italia ha forse preso in prestito il DE.520 006 di Ferrovie del Gargano. Notizia da confermare però.
5
E.186 281 vista ieri a Peri su TEC di RTC ovviamente tornata in livrea Railpool, a Medway di E.186 rimane la sola 284.
Le E.186 Lokomotion/RTC sono 259, 281-283, 285-286, 288 e ovviamente 440-444.

Aggiornato, grazie.
6
Vedo quasi tutte le sere il Bologna Interporto-Busto Arsizio con la E483.007 Alpha Trains in livrea verde.
Fino ad ora ho visto alla trazione la 193.491 Hupac , che Venerdi scorso era in composizione di rimando

Saluti.
Fabrizio.
7
E.186 281 vista ieri a Peri su TEC di RTC ovviamente tornata in livrea Railpool, a Medway di E.186 rimane la sola 284.
Le E.186 Lokomotion/RTC sono 259, 281-283, 285-286, 288 e ovviamente 440-444.
8
Il PIAZZALE / Re:Colore azzurro: la navigazione dei laghi lombardi
« Ultimo post da MatteoCerizza il 05 Luglio 2022, 18:46:03 »
La Motonave Traghetto “S.Cristoforo” del Lago Maggiore

Da alcuni anni la GNL (Gestione Navigazione Laghi – Italia) ha intrapreso un concreto e progressivo adeguamento della propria flotta indirizzato verso una propulsione ibrida Diesel-elettrica, ed in un prossimo futuro è prevista anche la realizzazione di imbarcazioni completamente full-electric.
Dopo la “Topazio” (costruita tra il 2020 ed il 2021 dal Cantiere Cartubi di Trieste) che è stata la prima motonave ibrida in Italia, è poi toccato al traghetto “S.Cristoforo” essere sottoposto ad una completa revisione che l’ha reso il primo traghetto italiano ad avere una propulsione ibrida Diesel-elettrica.
Il “San Cristoforo” venne costruito nel 1965 dai cantieri navali Breda di Venezia ed è un traghetto di tipo bidirezionale che può essere governato sia da prora che da poppa; ha una portata attuale di circa 27 veicoli e 450 passeggeri.
Per poter subire questa trasformazione è stato messo in cantiere ad Arona fra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 e i lavori si sono protratti per alcuni anni, anche a causa dei rallentamenti dovuti alle varie restrizioni dovute alla pandemia.
Alcune prove sul lago furono effettuate nel luglio del 2021 sia a vuoto sia con un carico di zavorra, per poi tornare in servizio regolare alla fine di dicembre del 2021.
Con quest’ultimo rimontaggio propulsivo si è passati quindi da una propulsione totalmente endotermica ad una propulsione ibrida.
Gli alloggiamenti dei locali propulsivi e quelli di macchina sono stati completamente rinnovati in modo da poter contenere i nuovi impianti tra i quali vi sono i ciclo-convertitori (considerati il “cuore” ibrido/elettrico della motonave) che gestiscono tutta l’energia elettrica in entrata e in uscita utile per la propulsione e tutte le altre esigenze di bordo.
I due motori elettrici raffreddati ad acqua (da 270 kW ciascuno) garantiscono la navigazione nelle varie modalità di utilizzo della nave nonché nelle fasi di allontanamento, attracco al pontile e trasferimento.
Nell’apparato motore è alloggiato il quadro elettrico principale che distribuisce ai vari impianti di bordo l’energia elettrica gestita dai ciclo-convertitori.
Nelle plance di comando di prora e di poppa sono presenti sistemi di monitoraggio di bordo per un controllo completo di tutti gli apparati propulsivi, dei pacchi batteria e dei sistemi di gestione dei motori elettrici; mentre i pannelli propulsivi posti a centro plancia stabiliscono la modalità di navigazione (che può essere ibrida o anche full-electric).
La costruzione ex novo della motonave “Topazio” e questi lavori di refitting apportati al traghetto “San Cristoforo” sono appunto l’inizio di  un processo di rinnovamento della flotta della GNL che opera quotidianamente sui laghi lombardi; infatti sono già in costruzione nei diversi cantieri navali dei rispettivi laghi (Maggiore, Garda e Como) altre quattro nuove motonavi ibride e due nuovi refitting apportati al traghetto “Adamello” e alla motonave “Delfino”.
Inoltre è stato presentato al Ministero un altro progetto chiamato FEP (Full Electric Project) per la realizzazione di ulteriori tre nuove motonavi di tipo full-electric.

Il traghetto “S.Cristoforo” fotografato l’ultimo giorno del 2016 mentre aveva appena lasciato la sponda lombarda per dirigersi verso quella piemontese, con ben pochi passeggeri e automezzi a bordo da trasportare.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
In navigazione sul Lago Maggiore il 22/07/2017, con la cava di Baveno a far da sfondo e la Punta Castagnola di Verbania all'estrema destra dell’immagine.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
In arrivo all’approdo lombardo di Laveno Mombello la mattina del 21/04/2017.
Questa volta sono le Alpi innevate a fare da sfondo all’immagine.
Si nota che erano ancora in uso i vecchi seggiolini in fintolegno (bachelite) poi sostituiti tutti con quelli di plastica color blu.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
Il tardo pomeriggio del 23/08/2016 la sagoma del “S.Cristoforo” si delineava sulle acque del Lago Maggiore, con lo sfondo della costa e delle Prealpi piemontesi.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
Questa vista laterale del 19/08/2018 ci permettere di scorgere la principale differenza col traghetto “S.Bernardino”, ossia la copertura del ponte superiore.
Un’altra macroscopica differenza sono i sette vetri frontali delle plance di comando al posto dei cinque di cui è dotato il “S.Bernardino”.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
Una vista leggermente rialzata mostra la coloritura antinfortunistica a strisce gialle e nere della parte frontale e finale che tutti i traghetti hanno ricevuto da qualche anno a questa parte.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
Un’immagine simile a quella precedente, in cui però il “S.Cristoforo” aveva ancora il ponte di caricamento degli autoveicoli privo delle strisce gialle e nere.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
In navigazione a centro lago verso l’approdo piemontese di Intra, con il piccolo abitato di Caldè (una frazione di Castelveccana) visibile nella parte destra dell’immagine.
Caldè è soprannominata la Portofino del Lago Maggiore per via del suggestivo lungolago all’interno di una baia naturale, la quale è sormontata da uno sperone di roccia sul quale è collocata la chiesa di Santa Veronica (risalente al 1200) e anche i resti di un castello medioevale (distrutto nel 1513 ad opera degli Svizzeri); mentre sul versante a nord della baia si trova la spiaggia delle Fornaci.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
In questa immagine parzialmente controluce il sole basso permette di ammirare l’andamento curvilineo della chiglia della motonave traghetto.
[ Attachment: You are not allowed to view attachments ]
Una visuale frontale mette bene in risalto la leggerezza dell'intera struttura costruttiva che avevano i traghetti degli anni '50 e '60: il “S.Cristoforo” venne costruito nel 1965 dai Cantieri Navali Breda di Venezia.
[attachment=10]
L’aspetto attuale della motonave traghetto “S.Cristoforo” dopo i lavori di refitting, che mostra sulla parte sinistra delle plance di comando la coccarda circolare con la foglia verde la quale sta ad indicare la natura “green” del natante completamente riammodernato nel sistema propulsivo.
Il ponte di caricamento degli autoveicoli è stato tutto verniciato in color verde con vernice granulosa antiscivolo.
[attachment=11]
I dati tecnici della motonave traghetto “S.Cristoforo” prima della trasformazione in battello ibrido Diesel-elettrico erano i seguenti:
- Dislocamento a pieno carico: 377 tonnellate
- Lunghezza f.t.: 45,30 metri
- Larghezza f.t.: 8,50 metri
- Tipologia di motore: 1 FIAT L236S
- Potenza massima: 353 kW (pari a circa 480 cavalli)
- Tipologia di propulsione: 2 eliche p.v.
- Tipologia di impianto elettrico: gruppo elettrogeno AIFO 8210M 220 V. c.a. e 24 V. c.c.
- Velocità massima: 18,5 km/h (pari a circa 10 nodi)
- Posti a sedere: 180
- Posti in piedi: 270
- Totale posti: 450
- Posti a sedere al coperto: 92
- Veicoli trasportati: 27
9
In rimando su Spezia Torino Medway , agganciata a novi ligure , 189.935 nera Akiem (logo akiem muso e fianco) immagino new entry.
Aggiungo anche 936 akiem proprietà medway
10
PhotorailGEO / Re:085 - Roma-Formia-Napoli
« Ultimo post da Vittorio_L il 28 Giugno 2022, 10:21:39 »
Purtroppo le indicazioni stradali potrebbero essere imprecise, perché io attualmente non raggiungo quasi nessuno di questi punti col mezzo privato.
Ovviamente quanto scritto finora è solo una parte della linea, in attesa di ulteriori miglioramenti/aggiornamenti mettendo nuovi punti foto.
Pagine: [1] 2 3 4 5 6 ... 10