PHOTORAIL

IMMAGINI! Le TUE foto sul Forum di Photorail. Dimensione foto max 800x600 pixel!!! NO graffiti! => Il PIAZZALE => Topic aperto da: Jacopo Cagliani - 22 Agosto 2016, 19:20:30

Titolo: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 22 Agosto 2016, 19:20:30
Buonasera!!

Apro questo nuovo topic per provare a raccontare l'avventura del solito duo Ellis+Jacopo: mete agostane, Croazia e Serbia.

Nota importante: il giro, durato 10 giorni, pur essendo stato studiato per benino, era essenzialmente conoscitivo: troppe informazioni contrastanti, troppe opinioni opposte, punti foto da scoprire (stritviù in Serbia è limitatissimo). Per cui, qualche obiettivo ce lo eravamo posti, ma senza prestese. E senza ansie da tra mezzora arriva un treno a 20 km da qui... se faccio i 140 in curva forse ce la facciooo.. eccheccazz l'ho perso per nulla  :-* :'(

Situazione Graffiti
Croazia: graffittate alcune automotrici gruppo 7122 (le Fiat) soprattutto in zona Varazdin/Cakovec e (da quello che ho visto on-line) sulle linee di Split/Sibenik. In zona Vinkovci/Vukovar non abbiamo trovato graffiti. Graffitatte anche alcune automotrici gruppo 7121 (le Macosa originali), diciamo in proporzione il 40% di quelle viste. Loco pulite, vetture quasi sempre pulite.

Serbia: graffittate le elettromotrici gruppo 412 (le più vecchie, anno di costruzione 1980); qualche vettura graffittata, il resto pulito.

Fotografie e dintorni
Croazia: no problem

Serbia: nessuno mi ha mai parlato di problemi drammatici nel fare le foto (anche ai tempi del trio Carlone-Storai-Pallotta avevo espresso il mio scetticismo nella discussione); qualche scazzo (come può succedere da noi) e nulla più. Per non saper né leggere né scrivere mi sono comunque fatto rilasciare l'autorizzazione dalle Ferrovie Serbe: non l'abbiamo mai esibita prima di scattare, e nessuno mai ce l'ha chiesta. Abbiamo chiesto info in stazione senza problemi, sulla linea diesel Nis-Dimitrovgrad il macchinista del Belgrado-Sofia (in ritardo di quasi 3 ore) si è fermato per farci fotografare meglio il treno; a Resavica abbiamo chiesto - ottenendo grandi sorrisi - per scattare DENTRO il fascio di presa consegna di una industria/miniera di carbone. Nemmeno sul raccordo/ferrovia Vreoci/Obrenovac delle centrali Nikola Tesla abbiamo avuto casini.
Ciò detto, saremo stati paraculati - non so - ma è anche vero che abbiamo fatto 6 giorni in Serbia, non uno...

Per cui, bando alle ciance, via alle foto
 O0

Martedì 9/8 lavoro, finisco alle 18, mangio qualcosa e prendo l'ESCity delle 19.35 per Trieste, arrivando dopo le 23 a Monfalcone dove Ellis mi raccatta. Notte a Ronchi dei Legionari, in modo da essere già vicini al confine.

Mercoledì 10/8 mattina piove: noi dovremmo andare a Spalato due giorni (obiettivi i due treni+auto con dieselozza), ma le previsioni non danno certezze. Così, come nostro solito, ribaltiamo il giro già dal primo giorno, puntando dritti su Zagabria: piove, per cui... tram!

Prima di sconfinare, buttiamo un occhio al volo ai raccordi di Monfalcone, dove, neanche a farlo apposta, ci viene incontro la tirata di furgoni con 147, seguita a ruota da un 245 isolato:

(https://c1.staticflickr.com/9/8466/29158980445_49883514ed_b_d.jpg)

Dopo una breve deviazione (sotto l'acqua) a Ilirska Bistrica - solo per fotografare il 626 JZ lì monumentato - planiamo a Fiume/Rijeka, dove si rende necessario il cambio delle monete.

In stazione sonnecchia una composizione a materiale ordinario, che alle 13.30 partità alla volta di Zagabria:

(https://c1.staticflickr.com/9/8229/28537259064_8c91d93283_b_d.jpg)

Decidiamo di aspettarla in linea, verso Ogulin, ma invano: diluvia, fa freddo (ci sono 12 gradi!!) e scende un nebbione da paura. Biroccio nuovamente verso Zagabria, nema problema!

Sulla strada per la capitale c'è... Karlovac! Dal stritviù avevo notato degli Sinobus accantonati, che ci siano ancora?

Cerrrto!   8)

(https://c2.staticflickr.com/8/7762/28537256714_55cbd372dd_b_d.jpg)

Questi 5 sono rottami (manco riusciamo a capire se siano motrici o rimorchi), ma ce ne sono altri 4: uno chiuso in rotonda (ignoro se sia preservato o meno), tre "dimenticati" nella rimessa che ormai cade a pezzi:

(https://c1.staticflickr.com/9/8083/28871600550_14929bd5bd_b_d.jpg)

Il primo obiettivo l'abbiamo centrato, si sbarca ora a Zagabria. Visto il meteo facciamo qualche scatto in zona stazione: quasi tutta roba moderna, ma ci sono anche dei Tatra originali!!  ::) :o

(https://c1.staticflickr.com/9/8253/29125611036_ea8407d548_b_d.jpg)

(https://c1.staticflickr.com/9/8232/29158982805_b1355b7f4c_b_d.jpg)

Quindi una panoramica di stazione: non dice nulla, ma mi piaceva l'atmosfera bagnata, con le prime luci accese e una serie di treni in attesa di partire...

(https://c1.staticflickr.com/9/8023/29125615426_1f5178e308_b_d.jpg)

La mattina di giovedì 11/08 è peggio della precedente: ci sono OTTO gradi e tira vento... insomma, fa un freddo boia.

Continuiamo a dedicarci ai tram: prima, in centro:

(https://c1.staticflickr.com/9/8097/28540189533_610006b99f_b_d.jpg)

Poi sulla linea 15 che va da Mihaljevac (dove c'è un doppio anello di interscambio con le altre linee) a Dolje, in un percorso verdeggiante simil-collinare. Il tutto a doppio binario e con due Tatra original in servizio  O0

Capolinea di interscambio (si intravedono i due anelli):

(https://c1.staticflickr.com/9/8261/28537212894_31e48cab33_b_d.jpg)

In linea:

(https://c1.staticflickr.com/9/8511/28537230504_48dff11293_b_d.jpg)

Capolinea e anello di Dolje:

(https://c1.staticflickr.com/9/8766/28537220214_9accb4346e_b_d.jpg)

Inseguendo i tram in centro, finiamo in stazione, dove nel giro di poco parte l'EN Zurich-Beograd. E' tutto grigio, ma lo metto solo per le mie amate (e poco fotografate) 1142:

(https://c1.staticflickr.com/9/8165/29158972815_6ce9bf2072_b_d.jpg)

La giornata inizia ad aprirsi: puntiamo quindi a est, più precisamente alla (Zagreb-)Zabok-Varazdin, linea diesel dove girano lun-ven 5 coppie di ordinari con diesel+vetture. Dato che solamente 3-4 treni sono fotografabili (e da programma costituiscono l'obiettivo del giorno seguente), iniziamo a fare un po' di esplorazione.

A Zabok il meteo è ancora schifoso; tuttavia mentre attraversiamo il PL di stazione vediamo che sta per partite un binato per Durmanec. Foto al volo, così, tanto è gratis!

(https://c1.staticflickr.com/9/8096/29158970835_93bc3ff946_b_d.jpg)

Ci spostiamo poi a Hum Lug, piccolo paese subito dopo Zabok. La fermata è interessante perché di diramazione tra la Zagreb-Varazdin e la Zabok-Gornja Stubica.

Attendiamo al sole l'arrivo del treno per Gornja; quando arriva però, la foto è fantozziana:

(https://c1.staticflickr.com/9/8442/28540197583_747a8e49b9_b_d.jpg)

Non ci abbattiamo, e siamo fiduciosi. Risaliamo ancora verso Varazdin e, nei pressi di una piccola fermata, scattiamo con meteo B! A un catafalco plasticoso, ma dopo due giorni di acqua manco sapevamo più come era fatto il cielo blu!  :) ;)

(https://c1.staticflickr.com/9/8253/29158965035_dc7b884f4e_b_d.jpg)

Ringalluzziti, attendiamo fiduciosi il primo mat. ordinario da Zagabria. Puntuale, arriva:

(https://c1.staticflickr.com/9/8173/28537195464_80abaab6b1_b_d.jpg)

Il duo ora è carico, e decide di inseguirlo per un pezzo, almeno finché la linea non piega e diventa controsole. Risultato? Et voilà!

(https://c1.staticflickr.com/9/8178/28537199644_0d9d0bc39b_b_d.jpg)

Risalendo ulteriormente verso Varazdin, vediamo fermo a Novi Marof un merci di tramogge: dato che siamo in perlustrazione, cerchiamo un punto per farlo... Lo troviamo, passano DUE ore, ma grazie al cielo, quasi con l'ultima luce, arriva! (e scopriamo dalla composizione il motivo di tanto attendere: si è infilato nel raccordo di Novi a raccattare i carri chiusi):

(https://c1.staticflickr.com/9/8493/28537206514_441d465aaa_b_d.jpg)

Le ombre si allungano e i punti foto diventano sempre meno: io sbaglio a ricordarmi il successivo treno, così, credendo fosse una automotrice, ci fermiamo in un posto "piccolo"... peccato arrivi un trenazzo con loco+4 vetture+automotrice in coda [nota: da orario era comunque un materiale ordinario, no automotrice!]. Proviamo a inseguirlo, ma il treno è controsole quasi sparato... in più la luce è al limite, in più... vabbè, sperimentiamo!

(https://c1.staticflickr.com/9/8350/28871519120_38d9e6ebb9_b_d.jpg)

(https://c1.staticflickr.com/9/8501/29158966835_5ca4aa8038_b_d.jpg)

Il materiale ordinario va; noi aspettiamo nello stesso punto un treno incrociante (5 minuti eh, l'incrocio era subito dopo). Luce bellissima, il treno... vabbè.

(https://c1.staticflickr.com/9/8159/29158868555_bb325a2de9_b_d.jpg)

1- continua...

A voi
ciao!
 :D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marcocarlone - 22 Agosto 2016, 19:54:57
La grande coppia Jacopino&Ellis colpisce ancora! Dopo essermi gustato i vostri racconti sloveni leggo con piacere quelli ancor più orientali. Bellissimo il merci al pl sterrato e i tram di Zagabria, visti diverse volte e mai fotografati (da buon pirla!).
Attendo il resto con trepidazione!

P.S. solo per specificare, dopo lo spiacevole evento serbo che ci era capitato nel 2014 non abbiamo mai più avuto problemi in tutti i paesi dell'area, compresi Albania, Macedonia, Bosnia, Croazia, Romania e Bulgaria... L'eccezione che conferma la regola  ;)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: toso963 - 22 Agosto 2016, 20:19:01
Foto veramente bellissime!Poi con la pioggia rende proprio il clima est europa!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marco345 - 22 Agosto 2016, 20:35:09
Ottimo inizio! nonostante il meteo l'ambientazione è molto caratteristica, decisamente interessanti i treni a materiale ordinario e ovviamente il merci, non da buttare nemmeno quel (glint?) shot  ;D e pensare per quanti anni sono andato in Croazia e nemmeno una foto  :-\ (non ero ancora dedito...)
aspetto tutto il resto  ;)

Ciao Marco
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: omar - 22 Agosto 2016, 21:53:28
Aspettavo con ansia la pubblicazione del racconto... ancora, ancora!  :P
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: belzebou - 23 Agosto 2016, 00:04:27
Parafrasando il commento di Ellis nel mio topic sulle DB 218 << inutile dire che ignoro qualsiasi cosa e che tifavo per il meteo-stai-in-Italia>>  8) 8) 8)

Seriamente: ignoro tutto, o quasi. Ma i sinceri complimenti per la vostra avventura (da cui mi sono bidonizzato  :-[ ) sono d'obbligo. Al solito noto che in tutta Europa continuano imperterriti a muovere treni internazionali a materiale ordinario e a fare merci diffusi, tranne in Italia.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Franz - 23 Agosto 2016, 02:01:41

Ciò detto, saremo stati paraculati - non so - ma è anche vero che abbiamo fatto 6 giorni in Serbia, non uno...


Io ne ho fatti qualcuno in piu` e confermo le tue impressioni.

Ottime foto! Non vedo l`ora di vedere le successive!  O0
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Praz© - 23 Agosto 2016, 08:26:25
Al solito noto che in tutta Europa continuano imperterriti a muovere treni internazionali a materiale ordinario e a fare merci diffusi, tranne in Italia.

Da quello che mi diceva Ellis però non sarà così ancora per molto......
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 23 Agosto 2016, 10:24:04
Al solito noto che in tutta Europa continuano imperterriti a muovere treni internazionali a materiale ordinario e a fare merci diffusi, tranne in Italia.

Da quello che mi diceva Ellis però non sarà così ancora per molto......

Alt! Fermi tutti per evitare incomprensioni. Ellis di sicuro di riferiva alla situazione serba e non croata, considerati una serie di fattori che poi proverò a elencare appena arriveranno le foto della Serbia.
In ogni caso, quello che possiamo dire sia io che Ellis sono nostre considerazioni, condivise con un apatras locale e col il responsabile dell'impianto di Subotica: non c'è nulla di ufficiale e non c'è nemmeno alcuna indiscrezione relativa alla soppressione degli internazionali in quelle zone.
Lo dico onde evitare inutili allarmismi; certo, la regola è sempre quella: fotografare subito, domani, chi lo sa...

 ;)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 23 Agosto 2016, 11:10:59
Riprendiamo col racconto...

Venerdì 12/08 siamo operativi per i materiali ordinari in zona Varazdin, così strutturati:

- 5 coppie sulla Zagreb-Varazdin (la maggior parte lun-ven)
- 1 coppia Zagreb-Koprivnica-Varazdin (a trazione elettrica fino a Koprivnica e poi diesel nel tratto finale), fotografabile solo il treno da Zagabria in quanto il corrispondente è la mattina alle 5
- 3 coppie sulla Koprivnica-Osijek (tutti i giorni)

La mattina però non c'è nulla (il materiale ordinario fotografabile parte alle 11.15 da Zagreb), per cui andiamo in esplorazione sulla Koprivnica-Osijek.

Poco prima delle 9, con un bel cielo blu, fotografiamo presso Durdevac il primo Zagreb-Osijek:

(https://c1.staticflickr.com/9/8040/29125655756_7200be4643_b_d.jpg)

Lo inseguiamo (complici tre fermate ravvicinate) e lo rifotografiamo in stazione a Pitomaca, con la luce che ormai è praticamente frontale. Il quadretto è piacevole, la foto l'ho sistemata, per cui ve la sorbite lo stesso  ;D

(https://c1.staticflickr.com/9/8520/29125629596_c09c0f70bf_b_d.jpg)

Abbiandoniamo l'inseguimento ed esploriamo un pochino la Klostar-Bjelovar-Krizevci, lineuzza diesel che collega Klostar (appunto sulla Koprivnica-Osijek) con Krizevci, posta sulla Zagreb-Koprivnica.

Treni non ce ne sono... verso le 11 planiamo a Bjelovar con luce zenitale e frontale: proprio a Bjelovar c'è un'officina per i carri, e un merci di riparati sembra già pronto a partire, manca solo la locomotiva.
Mi informo: il merci partirà alle 15.30, diretto a Klostar: dobbiamo scegliere cosa fare, abbandonare i materiali ordinari o abbandonare il merci? Diamo una rapida occhiata al tracciato della linea: tutto controsole! Ciao merci, noi si ritorna sulla Zagabria-Varazdin!

Prima di partire scatto però una foto a questo reperto archeologico, dimenticato nello scalo di Bjelovar:

(https://c1.staticflickr.com/9/8230/28537157224_1ec3206c98_b_d.jpg)

Tornati sulla Zagreb-Varazdin ci appostiamo in un posto splendido in attesa della 2044+vetture: pl agreste, collina, strada bianca, semicurva... manca il treno!
Dopo mezzora di attesa, ci spostiamo in stazione a Novi Marof, giusto per capire cosa sta succedendo: ecco l'arcano, treno soppresso in agosto (indicazione non presente sull'orario ma apposta con volantino in stazione). Anzi, la fregatura è doppia: anche il corrispondente da Varazdin, previsto per le 14, è altresì soppresso.

Frastornati per la cosa (ricordiamoci che è il primo giorno di SOLE), decidiamo di buttarci subito sulla Varazdin-Koprivnica; la motivazione è semplice, in serata - come indicato sopra - passerà (in luce) l'unico materiale ordinario su questa linea: per cui, foto obbligatoria!

Prima foto a un complesso di 7121 pulito, appena partito dalla fermata di Martijanec:

(https://c1.staticflickr.com/9/8112/28540172393_3b4e2f6738_b_d.jpg)

Quindi stazione di Rasinja per un'altra 7121 pulita alla bell'e meglio:

(https://c1.staticflickr.com/9/8066/28537191214_a6cdc7d7ba_b_d.jpg)

Infine il materiale ordinario: il duo si divide, Ellis sceglie il punto della foto sopra, io mi piazzo in una stradina che conduce alla dispersa "fermata" di Cukovec. Ellis ha il sole con il treno, io ce l'ho 30 secondi prima e un minuto dopo il passaggio  >:D ^-^ :-\ >:(

(https://c1.staticflickr.com/9/8268/29158872455_ee779fd9ba_b_d.jpg)

notare la composizione di ben SEI vetture, tra cui una ancora in livrea ex JZ

Le tenebre ora calano ovunque; prima di ritirarci facciamo uno scatto contestualizzato a Novi Marof, che non mi dispiace nemmeno troppo, anzi!

(https://c1.staticflickr.com/9/8476/28540166673_af00fc6dc1_b_d.jpg)

Sabato 13/08 è il gran giorno dello spostamento in Serbia: il programma prevede la Koprivnica-Osijek (già assaggiata il giorno prima) con i suoi materiali ordinari (la strada per la dogana è pressoché parallela alla linea); quindi sconfinamento serbo e dormita in zona Sombor/Subotica.

La mattina è ancora abbastanza coperta, pur non essendoci un meteo "notte fonda": il duo si scinde ancora, ma stavolta entrambi scattiamo col cielo coperto:

(https://c1.staticflickr.com/9/8161/28871548670_10e72e846d_b_d.jpg)

A Spisic ci piace il quadretto bucolico della stazione. Il problema è che il dannato sole, quando non serve, compare all'improvviso: ovviamente quanto il treno è fermo per la foto.
Provo a frontalizzare, ma il risultato non è dei migliori. La teniamo comunque, a memoria futura per una foto pomeridiana:

(https://c1.staticflickr.com/9/8104/29158893705_212575df2b_b_d.jpg)

[tra l'altro il treno è un interessante Virovitica-Zagreb via Bjelovar]

A Virovitica (stiamo sempre proseguendo verso Osijek/Serbia) troviamo questo piacevole scenario, arricchito dalla bandiera croata; la luce è giusta (basta guardare l'ombra del FV), non so perché ma le 7122 sembrano sempre in ombra sulla fiancata  ?-- ::)

(https://c1.staticflickr.com/9/8288/29081187351_b52f16da15_b_d.jpg)

Sopra la stazione c'è un gruppo fermodellistico molto carino... buttiamo un occhio, ricavando pure una intervista per la TV nazionale croata  :-[ :-*

Consumati i nostri 15 minuti di celebrita (cit. Andy Warhol), cerchiamo un punto per il prossimo materiale ordinario: il sole è un po' più deciso, ma i nuvoloni sono sempre inquietanti.

Presso Cabuna troviamo due punti carini a poca distanza. Nel primo, scattiamo al solito binato di 7121 ricostruite:

(https://c1.staticflickr.com/9/8348/28871545490_dbcd1c0133_b_d.jpg)

Nel secondo, infiliamo l'internazionale da Rijeka:

(https://c1.staticflickr.com/9/8553/28871552750_b943093377_b_d.jpg)

Alle 13.30, con la luce peggiore possibile, è il momento del terzo ordinario, qui in stazione a Mikleus (lo so, macchina blu su sfondo verde fa cagher, ma tant'è)

(https://c1.staticflickr.com/9/8689/29158884105_79d6b97e71_b_d.jpg)

Prima di Osijek altra fermata amena per il solito binato con la solita fiancata che sembra nera:

(https://c1.staticflickr.com/9/8260/29158900225_11ed94770e_b_d.jpg)

Quindi... Osijek!

(https://c1.staticflickr.com/9/8301/29158896965_5a2813c622_b_d.jpg)

Con i tram (due linee solamente), che il duo ignorava completamente!!  :-[ :-* Peccato gli sponsor parecchio invadenti...

(https://c1.staticflickr.com/9/8289/29158890265_c7fb2b1293_b_d.jpg)

(https://c2.staticflickr.com/8/7761/29158887515_3a8365ebb0_b_d.jpg)

E' la fine della prima parte croata: la dogana di Erdut/Bogojevo ci porta via quasi un'ora (di coda... i controlli durano 5 minuti)... per la Serbia, beh, alla prossima!

2- continua

ciao!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: omar - 23 Agosto 2016, 11:23:04
sbav
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Praz© - 23 Agosto 2016, 11:58:38
Ri sbav.

(si, ma che cazzo di firma ti sei messo? M'è venuto il mal di testa.....)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 23 Agosto 2016, 12:57:40
Ri sbav.

(si, ma che cazzo di firma ti sei messo? M'è venuto il mal di testa.....)

Ste, sarà un anno che l'ho!  ;D ;D
L'avevo messa ai tempi del 345 farlokko!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 23 Agosto 2016, 13:23:41

Con i tram (due linee solamente), che il duo ignorava completamente!!  :-[ :-* Peccato gli sponsor parecchio invadenti...


Verso il fondo..... :P
http://www.photorail.it/forum/index.php?topic=10676.0 (http://www.photorail.it/forum/index.php?topic=10676.0)

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 23 Agosto 2016, 13:29:28

Con i tram (due linee solamente), che il duo ignorava completamente!!  :-[ :-* Peccato gli sponsor parecchio invadenti...


Verso il fondo..... :P
http://www.photorail.it/forum/index.php?topic=10676.0 (http://www.photorail.it/forum/index.php?topic=10676.0)

Saluti.
Fabrizio.

Bellissimo racconto. Credo di non averlo MAI aperto  ^-^ :-[
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Davide Vicenza - 23 Agosto 2016, 16:21:13
Complimenti per il viaggio e il racconto!

Le foto vanno bene così, perché quando s'è lontani qualche centinaio di km da casa si fa con quel che c'è e tanti saluti.

 ;) 8)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Peppe91 - 23 Agosto 2016, 18:25:52
Belle foto e bel viaggio! Peccato per il meteo, però le foto sono molto interessanti.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 23 Agosto 2016, 19:02:42


Bellissimo racconto. Credo di non averlo MAI aperto  ^-^ :-[

E' di 8 anni fa oramai....

Comunque siccome la Serbia a me manca totalmente (mai stato), attendo le foto in serbo per noi!  :D

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: belzebou - 23 Agosto 2016, 23:15:06
Jacopo, permettimi una critica. Le foto che hai presentato sono tutte tra il bello e l'ottimo. Però continui a mettere le mani avanti e a fornire giustificazioni non richieste, al limite dell'autocolpevolizzazione. E la fiancata in ombra e il sole frontale e la nuvola e il blu su fondo verde ^-^ e nientediche. Ma scherzi? Avete fatto roba assurda (per me) in posti incredibili e il risultato finale è piacevole e l'occhio guarda tutto tranne colori e presunte fiancate in ombra. Spero che la terza parte sia scevra (si, scevra ;D) dei commenti di cui sopra (al limite aspetta che te li muoviamo noi, i commentacci ;D ;D)
 ;)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Benny - 24 Agosto 2016, 00:09:50
A parte che le foto meritano, quello che mi piace è lo spirito "andiamo a caccia e vediamo quello che si riesce a fare".  All'epoca mia, forse per mancanza di informazioni, si partiva così, alla brutta eva, e buona parte del divertimento era proprio vedere di cavar fuori qualcosa di buono da quello che si incontrava.

Grazie per avermi fatto ritornare, con la mente, ad altri tempi, meno esigenti e più divertenti.

ciao  ;)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 24 Agosto 2016, 09:02:25
Jacopo, permettimi una critica. Le foto che hai presentato sono tutte tra il bello e l'ottimo. Però continui a mettere le mani avanti e a fornire giustificazioni non richieste, al limite dell'autocolpevolizzazione. E la fiancata in ombra e il sole frontale e la nuvola e il blu su fondo verde ^-^ e nientediche. Ma scherzi? Avete fatto roba assurda (per me) in posti incredibili e il risultato finale è piacevole e l'occhio guarda tutto tranne colori e presunte fiancate in ombra. Spero che la terza parte sia scevra (si, scevra ;D) dei commenti di cui sopra (al limite aspetta che te li muoviamo noi, i commentacci ;D ;D)
 ;)

Quotone....... ma forse lo ha fatto per il timore di sentirsi dire "eh peccato che non c'era il sole"... :) :)

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: pojana - 24 Agosto 2016, 17:35:42
 :P  :P  :P  :P  :P

ancora, ancora e ancora ....

ciao
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 24 Agosto 2016, 17:55:38
Non c'è alcuna auto-colpevolizzazione né auto-commiserazione. Ho semplicemente cercato di fare il solito racconto che vada al di là del semplice "qui la foto in stazione a X al treno Y".
Il sole c'era e non c'era, e non è stato molto diverso in Serbia, come forse vedrete.
E non c'è nemmeno alcun rimpianto: ormai le mie uscite sono ridotte a 1-2 gite l'anno, per cui, prendere o lasciare, anche perché siamo a 1000-1500 km da casa  ;)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: robbi663 - 24 Agosto 2016, 23:00:57
Beh chi scatta la foto ci vede sempre il difettuccio perché nella propria mente magari si aspettava un risultato diverso...invece chi le guarda con occhio neutro senza sapere i retroscena, le apprezza in maniera molto più positiva...anche se alcuni retroscena permettono di gustare meglio la foto perché riportano la fatica occorsa per ottenere il risultato finale... questo racconto ne è un chiaro esempio...per quanto mi riguarda le ho apprezzate moltissimo nonostante purtroppo non conosca alcuno dei servizi citati...bravi avete affrontato un'avventura di tutto rispetto...e adesso un'altra infornata, grazie  ;D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: ellis barazzuol - 25 Agosto 2016, 20:24:41
Torno sui tram croati perchè mi hanno dato un'ottima impressione, a Zagabria sono blu, frequenti, puliti e nemmeno così vecchi come nelle città italiane storicamente tranviarie. Nelle zone a traffico limitato del centro storico convivono pacificamente coi pedoni, le linee degli autobus sono solo periferiche e a servizio della rete tranviaria.

I più numerosi sono ormai i modelli di plastica, quindi abbiamo cercato quelli precedenti, in particolare i Tatra con rimorchio.
La linea più caratteristica è la 15, nata nel 1950 in sede propria a doppio binario, collega ogni 11 minuti un quartiere in collina con l'orchestrina. Le caratteristiche del tracciato e della linea aerea permettono una velocità massima di 60km/h, di giorno è una linea periferica che impone il cambio per chi è diretto in centro, di notte invece viene inglobata in una linea più lunga.

[attachment=1][attachment=2]

Qui si vede bene la salita che caratterizza i 3 chilometri della linea. Al capolinea superiore la ventilazione forzata dei motori fa il suo lavoro.
[attachment=3]
Nel capolinea a valle avviene l'interscambio con le altre 2 linee che sono in coincidenza. Il tram di plastica ha appena fatto scendere i viaggiatori, poi farà l'anello e si porterà in coda all'altro che si vede dietro. Chi deve proseguire col 15, basta che cammini 30 metri. La stessa cosa avviene dall'altro capo dell'anello per il senso inverso.
[attachment=4]

L'altra città tranviaria croata e Osijek. Non abbiamo avuto il tempo di dedicarci molto tempo, ma mi è piaciuta molto. Una rete di 2 sole linee, ma viva ed efficiente, è stata prolungata di recente scegliendo il semplice binario per contenere i costi. I tram, come spiegava bene Fabribo, sono i vecchi Tatra rimodernati, anche qui sfrecciano veloci e hanno tutti una livrea pubblicitaria che aiuta a far quadrare i conti. C'è anche un incrocio a raso con un raccordo ferroviario in disuso, in deposito è disponibile un tram storico.

Per quanto riguarda i treni dico subito che siamo arrivati tardi per i Sinobus, ma ora dobbiamo darci da fare per immortalare tutte le cose destinate a sparire. Treni in primis, internazionali e non, che secondo me saranno soppiantati dai flexibus (li abbiamo incrociati) e dallo sviluppo economico dei croati che li emanciperà dai servizi pubblici.
Poi bisogna godersi gli impianti prima che vengano RFIzzati: guardate nelle foto di Jacopo le stazioni genuine, senza pali, cestini, panchine, pensiline, cartelli, monitor....per non parlare dei segnali semaforici e dai dirigenti con paletta. La fermata in corrispondenza del bivio, i PL senza alcuna protezione, i materiali ordinari con automotrice in coda, i mille raccordi in gran parte già abbandonati....

Tra i rimpianti metto la mia versione di Spisic Bukovica, bisognerà rifarla con luce e composizione giusta.
[attachment=5]

Mi consolo con la mia versione soleggiata del treno che invece Jacopo a fotografato con nuvola sassina
[attachment=6]

La strada che porta in stazione è rimasta come in origine, penso sia l'unica del paese a non essere stata asfaltata.

Un caso limite per capire come la ferrovia croata non potrà durare così com'è oggi, è dato dalla vicina fermata di Kunovec Subotica

https://www.google.com/maps/place/%C4%8Cukovec,+Croazia/@46.1897706,16.7621492,1247m/data= (https://www.google.com/maps/place/%C4%8Cukovec,+Croazia/@46.1897706,16.7621492,1247m/data=)!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x4768a0813910e3f7:0xd98664d7fd3b8913!8m2!3d46.2310132!4d16.6601789

Abbiamo incrociato una signora con dei bambini appena scesi dal treno, la stazione come si vede dalla mappa è in mezzo ai campi, ciò li ha costretti a fare una camminata lungo lo stradello parallelo alla ferrovia fino al PL, poi altra camminata per raggiungere il paese. Spostando la fermata in corrispondenza del PL si dimezzerebbe il percorso, rendendo meno insulso il servizio del treno.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: GiorgioStagni - 25 Agosto 2016, 21:27:43
Citazione
Abbiamo incrociato una signora con dei bambini appena scesi dal treno, la stazione come si vede dalla mappa è in mezzo ai campi, ciò li ha costretti a fare una camminata lungo lo stradello parallelo alla ferrovia fino al PL, poi altra camminata per raggiungere il paese.

L'ultima volta che ho visto qualcosa del genere in Italia è stato a Nicorvo (Pv-Vc), ma almeno 10 anni fa, e già allora la signora era straniera.

A Fontan-Saorge in verità è invece (era?) assai comune.

--

Grazie per tutte queste info, impressioni, racconti, valutazioni, e naturalmente foto :)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 25 Agosto 2016, 23:48:43
I tram, come spiegava bene Fabribo, sono i vecchi Skoda rimodernati,

Naaaaaa.... io non chiamerei mai Skoda i TATRA.... :'( :'(

https://it.wikipedia.org/wiki/%C4%8CKD_Tatra (https://it.wikipedia.org/wiki/%C4%8CKD_Tatra)

Le basiiiiiiiiiii.........

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marco felisa - 26 Agosto 2016, 09:15:44
Bellissime foto e avventura invidiabile. L'atmosfera da VERA ferrovia in Croazia la ricordo pure io, ma mi stupisco che sia ancora tutto (o molto) ancora così come lo vidi venti anni fa'. I materiali ordinari con i dieselloni sono una vera emozione, su quelle lineuzze con armamento old time, stazioncine erbose (e non inerbite), coi ferrovieri (!!!)
E incredibile il tram delle collinari (la mitica 102 nera di fantozziana memoria!), manca solo un carretto col cavallo da tiro!

Un consiglio, se posso permettermi: a me piacciono molto le foto che non escludono le persone, soprattutto se si tratta di ferrovieri o viaggiatori. In ambito urbano, poi, scattare foto a tram senza l'ombra di un passante, mi inquieta un pochino, mi fa pensare a quel film, the-day-after, dove solo il Tatra T3 è sopravvissuto; certo, se non c'è nessuno, non è necessario pagare delle comparse  :)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: ellis barazzuol - 26 Agosto 2016, 09:34:48
I tram, come spiegava bene Fabribo, sono i vecchi Skoda rimodernati,

Naaaaaa.... io non chiamerei mai Skoda i TATRA.... :'( :'(

https://it.wikipedia.org/wiki/%C4%8CKD_Tatra (https://it.wikipedia.org/wiki/%C4%8CKD_Tatra)

Le basiiiiiiiiiii.........

Saluti.
Fabrizio.

Vero, non so da dove mi sia saltato fuori Skoda. Correggo.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marcocarlone - 26 Agosto 2016, 14:08:22
Molto belle anche le foto di tram firmate BarEllis!

L'assurdità delle fermate nel nulla comunque è abbastanza usuale in zona! Quattro anni fa sulla linea Jimbolia - Timisoara, scoprii (scoprimmo) la fermata di Clari Vii. Un locus amoenus composto da cartello indicatore, due listelli di cemento su cui scendere, un casellino diroccato e nient'altro, nel bel mezzo del nulla. A circa trecento metri, una serie di cascinali diroccati. Nonostante ciò scesero ben 4 persone e un cane.

Per farsi un'idea del posto...  

https://www.google.it/maps/@45.7933031,20.8003641,3a,75y,129.49h,84.67t/data=!3m7!1e1!3m5!1s9bYiKMWfF0Ie7osdoDQqMQ!2e0!6s%2F%2Fgeo1.ggpht.com%2Fcbk%3Fpanoid%3D9bYiKMWfF0Ie7osdoDQqMQ%26output%3Dthumbnail%26cb_client%3Dmaps_sv.tactile.gps%26thumb%3D2%26w%3D203%26h%3D100%26yaw%3D180.564%26pitch%3D0!7i13312!8i6656!6m1!1e1 (https://www.google.it/maps/@45.7933031,20.8003641,3a,75y,129.49h,84.67t/data=!3m7!1e1!3m5!1s9bYiKMWfF0Ie7osdoDQqMQ!2e0!6s%2F%2Fgeo1.ggpht.com%2Fcbk%3Fpanoid%3D9bYiKMWfF0Ie7osdoDQqMQ%26output%3Dthumbnail%26cb_client%3Dmaps_sv.tactile.gps%26thumb%3D2%26w%3D203%26h%3D100%26yaw%3D180.564%26pitch%3D0!7i13312!8i6656!6m1!1e1)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: davidepiva - 26 Agosto 2016, 14:57:12
L'assurdità delle fermate nel nulla comunque è abbastanza usuale in zona! Quattro anni fa sulla linea Jimbolia - Timisoara, scoprii (scoprimmo) la fermata di Clari Vii. Un locus amoenus composto da cartello indicatore, due listelli di cemento su cui scendere, un casellino diroccato e nient'altro, nel bel mezzo del nulla. A circa trecento metri, una serie di cascinali diroccati. Nonostante ciò scesero ben 4 persone e un cane.

Questo nome mi diceva qualcosa. Ed infatti ... :

[attachment=1]

Ecco la robusta composizione del diretto Jimbolia -> Lipsia (la veletta dice ancora Leipzig Hbf  ;D ) in partenza da Clarii Vii.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: ellis barazzuol - 26 Agosto 2016, 17:53:33
Continuo un po', specificando che non tutto quello che scriverò corrisponderà al vero.

Dicevamo che eravamo entrati nella provincia autonoma della Vojvodina, nel nord della Serbia.
Abbiamo attraversato un confine, non siamo più in Europa, religione ed etnia dovrebbero essere diverse, eppure lungo le strade dei villaggi vediamo i banchetti di angurie che sono identiche a quelle croate. E sono angurie giuste, oltre i 15kg e rotonde, perchè nella provincia autonoma di Treno si trovano solo quelle sfigate piccole e ovali?
La mia ammirazione cresce di banchetto in banchetto, ma vengo anche distratto dalla presenza diffusa di 128 e derivate.
Mi sembra di essere tornato indietro di 30 anni, anzì peggio perchè in Italia da bambino vedevo anche le 500 e le 127, qui la scelta è ridotta a qualche 600, 125, 126, 1300 e soprattutto 128. In Slovenia non era così, in Croazia c'era qualche presenza, ma qui è un susseguirsi di 128, tutte col loro bravo portapacchi e gancio di traino.
Che spettacolo!

Il primo paese che incontriamo è Sombor, le strade sono alberate da grossi platani che riparano dalla canicola e nascondono un po' le bruttezze create dall'uomo. Puntiamo alla stazione e nel piazzale non posso non parcheggiare di fianco all'immancabile 128.

[attachment=1]

Il fabbricato è decrepito sia esternamente, sia internamente, nel piazzale ci sono solo dei carri chiusi sfondati. Un cartello indica il divieto di fotografare, forse in passato aveva un significato, adesso sembra chiedere pietà per le condizioni in cui versa la ferrovia. Per me il significato però è: cosa vuoi fotografare qui che è lo spettacolo è fuori! Infatti torno ad ammirare il mezzo meccanico e i suoi interni accessoriati

[attachment=2]

Andiamo a dormire a Backa Topola in un posto che scelgo a caso. E' un posto elegante e pulito, mi sa che ci costerà un occhio, infatti spara 2500 qualcosa. Mentre penso a come si dice sconto, converto il prezzo in euri e sono solo 22  :o Si rimane lì anche a cena e faccio come i russi in ferie: scelgo dal menù incomprensibile le cose più care  :D

Il mattino successivo dobbiamo fotografare dei trenini internazionali tra Novi Sad e Subotica, 100km di linea elettrificata che tutti i treni percorrono in 2 ore e 40  ?--
Percorriamo un chilometro e mezzo di tratturo polveroso per piazzarci in un raro punto non infrascato, ma non arriva nulla. Il regionale ritarda di 40 minuti e viaggia a 40km/h, è un plasticone moderno ma potrebbe essere l'unica cosa che vedremo.

[attachment=3]

Confrontando orario e cartina noto che ci sono più fermate che paesi attraversati, in particolare c'è la fermata di Mali Beograd che non riesco a localizzare. Ora che vedo il satellite scopro che la fermata era in corrispondenza del PL di sfondo che avevamo percorso: nessun cartello, nessun marciapiede o rialzo di terra, solo massicciata e frasche a un chilometro e mezzo da un villaggio. Clari Vii in confronto è un hub
[attachment=4]


Attendiamo i trenini internazionali da sud, invece arriva qualcosa da nord. E' un cazzillo della IE identico a quello del racconto di Carlone. Devono averlo allertato quelli del regionale plasticoso, la porta già aperta è un chiaro segno delle loro intenzioni

[attachment=5]

Scendono 2 energumeni, io faccio un gesto come per dire: vedete che aspetto ho? Sono dei vostri. Prendetevela con lui che è più giovane e ha la carne più morbida.

Finito il massacro, aspettiamo il prossimo passaggio. E' un pericolosissimo misto di gas e altre merci comburenti trainato da una 444, la versione elettronica delle più vecchie 441.

[attachment=6]

Attendiamo ancora, intanto la luce diventa caccolosa. Dallo stradello polveroso vediamo arrivare una nuvola di polvere con dentro una 128. Ma non è sola, c'è un'altra automobile dietro, è chiaramente uno squadrone che viene a pestarmi per essermi spacciato per uno di loro.
Transitano davanti a noi alla stessa velocità dei treni....la 128 sta trainando con una corda una R5 con dentro 4 persone che piuttosto di morire asfissiate dalla polvere, hanno scelto di morire di caldo sigillando i finestrini.
Le altre foto le lascio a Jacopo.


Nel pomeriggio abbiamo un appuntamento per visitare il deposito di Subotica coi suoi Sinobus.
Prima però ho il tempo di cercare il tram monumentato in centro. Proviene dalla rete di Lubiana chiusa nel 1958 ed ha viaggiato fino al 1974, anno della chiusura anche della rete di Subotica.

[attachment=7]

La visita al deposito, l'incontro e la chiacchierata con l'ingegnere serbo sono stati interessanti, ci spiega che la velocità della linea verso Novi Sad in passato 120km/h, ma a causa della mancata manutenzione è ora ridotta a 40. Avevo notato infatti parecchie traverse ci cemento crepate e molte caviglie mancanti. Andiamo a rifocillarci  :D alla maniera russa  :D in una pasticceria.

Poi migriamo presso un tennis club della Belgrado bene, dove con 16 euri ci toglieremo la polvere di dosso. Per la cena troviamo un ristorantino in collina con l'orchestrina, la birra scorre a fiumi, ma l'acqua difetta così dovranno portarmi 4 bottigliette da 0,25 che neanche all'asilo.


Il mattino dopo è ferragosto, quindi andiamo a far foto a treni. Ai soliti trenini internazionali, che sono in ritardo anche se hanno origine a 20km dalla stazione in cui ci piazziamo.
Passa per esempio questo Belgrado-Sofia che 2 giorni a settimana ha in composizione delle vetture russe. Scruto le ultime 2 vetture per salutare gli amici russi: ehi magnati, anch'io sono dei vostri!

[attachment=8]


Come sempre non passa tutto quello che era previsto, perciò decidiamo di puntare a tutta un'altra situazione.
Siamo a Vreoci, attraversiamo un PL presso la stazione e vediamo questa scena sugosa

[attachment=9]

un treno di carbone di una compagnia privata pronto a partire per la centrale elettrica che andrà a rifornire e a sinistra un binario a doppio scartamento con i binari del ridotto lucidi. Alla vista del trenino sullo sfondo anche gli occhi diventano lucidi, quindi c'è solo cosa da fare

[attachment=10]
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Praz© - 26 Agosto 2016, 18:41:20
 ;D ;D ;D ;D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 26 Agosto 2016, 18:47:14
Ma le foto le hai fatte realmente sfocate o la sfocatura serve per creare atmosfera al racconto e dare una idea di foto scattate di nascosto?  ;D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fferrab - 26 Agosto 2016, 19:02:01
Ed ora cresce il coro: "vogliamo il ridotto, vogliamo il ridotto"  ;D  ;D ;D :P
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marcocarlone - 26 Agosto 2016, 19:39:41
Continua a piacermi il tagliente ed ironico BarEllis  :-*
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 26 Agosto 2016, 20:11:00
Le altre foto le lascio a Jacopo... e che metto?  ::)

Il primo impatto con le ferrovie serbe, in effetti, poteva essere dei migliori: non solo lo scenario western e polveroso dell'esterno stazione, ma anche una giungla dalla quale spunta qualcosa che un tempo doveva essere una locomotiva...

(https://c1.staticflickr.com/9/8509/29168868551_37d31b1c63_b_d.jpg)

La mattinata alla fermata fantasma di Mali Beograd ci regala anche un altro lunghissimo merci che "salta" letteralmente sul binario

(https://c1.staticflickr.com/9/8258/29168886741_50e4b27992_b_d.jpg)

La visita a Subotica è ricca di rottami: tutti gli Sinobus (una decina, rimorchi compresi) sono accantonati, tranne la 211 che, pur non funzionante, è in attesa di una "preservazione" (è l'ultimo Sinobus serbo rimasto con gli interni originali; gli ultimi esemplari ritirati dal servizio - sei binati mi pare - vennero rimodernati dal 2005 con interni tipo pullman, con cambio di livrea)

(https://c1.staticflickr.com/9/8559/29139326742_d4d12c65eb_b_d.jpg)

Tra le decine di 642 demolendi, troviamo anche il prototipo 662, prima locomotiva diesel-elettrica di costruzione jugoslava, realizzata dalla Duro Dakovic nel 1968. Venne ritirata poco prima dello scoppio della guerra (si legge ancora l'iscrizione dell'ultima revisione datata 1988):

(https://c1.staticflickr.com/9/8372/29168919221_db73da0d80_b_d.jpg)

In serata, cerchiamo di scattare almeno una foto all'IC 345 Avala Vienna-Budapest-Belgrado, di sole vetture ungheresi... puntiamo sulla stazione di Zednik, per una foto dallo scalo con treno+FV.

Ovviamente un pericolossissimo e lunghissimo treno di cisterne cariche verso Subotica viene imbucato per l'incrocio...

(https://c1.staticflickr.com/9/8053/29168879021_33a8b0f121_b_d.jpg)

... per cui siamo costretti a spostarci: tempo ce n'è, ma i punti foto (come credo ormai sia chiaro) non ce ne sono. Scegliamo, quindi, l'ingresso in stazione a Backa Topola, con quel caratteristico pennacchio sulla destra

(https://c1.staticflickr.com/9/8239/29168883501_265082a0d1_b_d.jpg)

Il giorno seguente dedichiamo la mattina a un paio di straordinari (lo Skopje-Beograd in ritardo di 4 ore, ma con prima vettura iperfatta; un treno per Bar e il Sofia mostrato da Ellis... non pervenuto il Salonicco-Beograd), quindi ci spostiamo a Vreoci, dove si staccano una linea a doppio scartamento per Veliki Crljeni e una linea a doppio binario a scartamento ordinario per Obrenovac/Usce: sono tutte ferrovie gestite dalla centrale elettrica Nikola Tesla.

Non abbiamo trovato tantissime informazioni (anzi, abbiamo scoperto la linea praticamente per caso un paio di mesi fa) - lascio comunque a Ellis i dati tecnico-tattici - tuttavia, sul campo, abbiamo notato che:
- la linea a scartamento ridotto che da Vreoci andava verso Zeoke/Barosevac (e attiva ancora almeno fino al 2014) è ormai abbandonata;
- alla centrale presso la stazione di Vreoci è raccordato anche un binario diesel, dove giungono verosimilmente i carri eanos dalla rete serba
- la linea a doppio binario per Obrenovac, verosimilmente un tempo doveva essere sull'attuale strada: si notano ancora, passando in auto, un paio di vecchi FV.

Consiglio: fatevi un giro su google maps, mettere una carta qua anziché semplificare rischia di fare più casino.

Da una mappa degli anni 60 esposta al museo dei trasporti di Belgrado è riportata una ferrovia a scartamento ridotto da Vreoci fino a Mladenovac, sulla Belgrado-Nis. Notizie trovate, però, zero.

(https://c1.staticflickr.com/9/8460/29139876972_f3a607d9ae_b_d.jpg)

Subito dopo la foto scattata da Ellis, anticipiamo (ovviamente) il cazzillo che si intravede sull'estrema sinistra, per fotografarlo nei pressi di un PL poco prima dell'ingresso nell'area vietatissima ai fotografi:

(https://c1.staticflickr.com/9/8145/29213953596_4821abb0cf_b_d.jpg)

Decidiamo quindi di aspettare un treno di vuoti; dopo un altro merci - stavolta "minimo", soli due carri - di carichi, ecco che si presentano i vuoti:

(https://c1.staticflickr.com/9/8264/29213959426_a2615f85d8_b_d.jpg)

Sazi (si fa per dire, 'sti accrocchi non stancano mai) di questo lato, buttiamo un occhio nella zona di Vreoci, dove fervono le operazioni di carico di un altro treno:

(https://c1.staticflickr.com/9/8047/29213947496_22f859c076_b_d.jpg)

Non possiamo non buttare un occhio al doppio binario scartamento ordinario: i treni sono trainati dalle 8 441 in livrea azzurra (uguali a quelle delle ferrovie serbe); la dotazione si completa di due diesel 661 e una decina di coccodrilli ex CD che operano negli scali. Talvolta può capitare che una 661 esca in linea, in caso di guasto a una 441.

Dei diversi scatti che realizziamo, metto questo, con l'unità 02 fresca di verniciatura:

(https://c1.staticflickr.com/9/8085/29213935796_9ed938630c_b_d.jpg)

Come dicevo, lungo la linea si trovano i fabbricati relativi al vecchio tracciato. Qui, ad esempio, Brgule:

(https://c1.staticflickr.com/9/8008/28627516673_d79c0b5a01_b_d.jpg)

Ciascuna delle due radici, ha i propri carretti. A scartamento ridotto:

(https://c1.staticflickr.com/9/8285/28627509033_e7d0c79faa_b_d.jpg)

(https://c1.staticflickr.com/9/8520/28627513413_b515286c33_b_d.jpg)

E ordinario:

(https://c1.staticflickr.com/9/8522/29214416016_0fce4e95a3_b_d.jpg)

Il ritmo, sia su ridotto che sul normale è impressionante: in tre ore avremo visto non meno di 8 tirate sull'ordinario e 5 sul ridotto...

Prima di migrare nel sud della Serbia, un'ultima foto: mentre i vuoti entrano (sulla sx), un treno di pieni è già pronto a fare il percorso opposto:

(https://c1.staticflickr.com/9/8273/29169168901_42ddf0a78e_b_d.jpg)

Spero di non aver scritto vaccate!  :-[

PS: sul raccordo, di sicuro fino al 2008, lavoravano anche a vapore. Una dovrebbe essere ancora mantenuta "attiva", almeno fino al prossimo anno.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Kozara - 26 Agosto 2016, 21:19:35
Complimenti bel viaggio e ottime foto, meravigliosi i 2044 sulla linea di Varazdin!
Purtroppo unica nota negativa sono i sinobusi che non sono più in servizio, almeno così sembra dalle foto
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: belzebou - 26 Agosto 2016, 22:03:29
Spettacolare anche quest'ultima parte :o :o
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: omar - 27 Agosto 2016, 01:16:22
quindi ci spostiamo a Vreoci, dove si staccano una linea a doppio scartamento per Veliki Crljeni e una linea a doppio binario a scartamento ordinario per Obrenovac/Usce: sono tutte ferrovie gestite dalla centrale elettrica Nikola Tesla.

Non abbiamo trovato tantissime informazioni (anzi, abbiamo scoperto la linea praticamente per caso un paio di mesi fa) ...

Perché siete dei somari!  ;D Chiedere consigli in giro no eh?  :P :P :P

Se fossi venuto all'avventura con voi il 50% della motivazione sarebbe stata proprio la visita alla rete di minerarie!  :D :P

(di cui confermo, in giro si trova davvero poco)

la dotazione si completa di due diesel 661 e una decina di coccodrilli ex CD che operano negli scali

Spero di non aver scritto vaccate!   :-[

Solo un po dai...  ;D  :P

I "Coccodrilli",  classificati 443 sono giustamente 10 ma non sono ex CD. Sono derivati dalla serie 210 CSD (marcatura d'origine S 458.0) consegnata tra il 1972 e 1983 in 75 esemplari e tutt'ora in servizio su CD e ZSSK. Le unità serbe sono state realizzate da Skoda appositamente per la rete della centrale Tesla nel 1983, una volta terminata la fornitura CSD. Per onor di cronaca, hanno avuto come eredi le 20 unità serie 61 BDZ, consegnate alla Bulgaria nel 1994.

Subito dopo la foto scattata da Ellis, anticipiamo (ovviamente) il cazzillo che si intravede sull'estrema sinistra, per fotografarlo nei pressi di un PL poco prima dell'ingresso nell'area vietatissima ai fotografi:

In questo caso invece siamo in presenza di vere ex!
Le 17E2 e 17E5 da voi fotografate sono le ultime rappresentanti in ordine di marcia della famiglia Skoda 17E realizzata in diverse centinaia di esemplari tra il 1957 ed il 1966 per le numerose reti minerarie della Boemia occidentale.
Nel 2004 si è chiusa la storia dello scartamento ridotto minerario in Repubblica Ceca con la conversione dell'ultima rete afferente la cittadina di Sokolov allo scartamento ordinario. La compagnia esercente, Sokolovska Uhelna ha allora ceduto due macchine (alcune fonti citano tre) alla Tesla permettendole di proseguire la propria carriera.

Delle altre macchine non so nulla ma dalla foggia potrebbe trattarsi di roba tedesca (magari ex DDR?)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: cheglio1 - 27 Agosto 2016, 09:41:56
Che spettacolo di foto!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fferrab - 27 Agosto 2016, 12:26:06
Ovviamente sbavo alla prazziana  ;D per la linea a s.r.! E grazie anche ad Omar per le interessantissime note.
Ne approfitto per mostrarvi un paio di foto tratte dallo splendido e nostalgico libro "Schmalspur-Romantik in Osteuropa".
La prima immagine è dedicata alla estesissima e scomparsa rete ceca di Sokolov e risale al 2002, la seconda invece riprende nel 2000 un convoglio della linea serba visitata dalla nostra "coppia di fatto"  ;D ;D
Come potete vedere le loco serbe (questa è la 12, LEW11476 del 1966, gemella della 18) erano dotate anche di pantografi laterali probabilmente utilizzati all'interno dei bassi cunicoli ove la catenaria era appunto laterale. Dalle foto viste qui probabilmente è cambiato il servizio.

[attachment=2]

[attachment=1]

Ciao
F
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fferrab - 27 Agosto 2016, 12:33:04
PS: se interessassero altre foto, posso scansionare le pagine dell'altro tomo di riferimento "Schmalspurige Werkbahnen und Ferldbahnen in Osteuropa". Esiste anche una buona bibliografia sulle reti tedesche anche se non credo esista un tomo omnicomprensivo.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: AndMart - 27 Agosto 2016, 14:51:26
Le foto sono tutte belle ed il racconto molto interessante. Quello che mi è piaciuto di più è senza dubbio la linea tranviaria bucolica ed inerbita e soprattutto i cazzilli a scartamento ridotto che paiono usciti come per magia da una foto anni '30 e catapultati nel 2016!!  :o :P :P
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Davide Vicenza - 27 Agosto 2016, 16:43:01
Bellissimo e interessantissimo tutto, racconti compresi!

 ;D ;)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: pojana - 27 Agosto 2016, 17:22:47
Risbavv ...  :P :P :P :P :P

ciao
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 27 Agosto 2016, 19:43:59
Il duo Baragliani, sempre piu agguerrito!  ;D ;D

Tutto meraviglioso (anche lo scartamento ridotto.. :-[ che a me non fa ne caldo ne freddo) , BRAVI!

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Peppe91 - 27 Agosto 2016, 20:34:18
Questo topic diventa sempre più interessante!!! :P :P :P

Che belli questi trenini a scartamento ridotto!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: ellis barazzuol - 28 Agosto 2016, 01:04:09
I pantografi laterali servivano per facilitare il carico dall'alto degli scavatori, direttamente nella cava, dove la linea aerea era appositamente montata di lato.
Qui si capisce la bene

[attachment=1][attachment=2]

Oltre alle macchine 17E ceche, ci sono le tedesche costruite dalla LEW di Berlino negli anni '60-'70 e numerate da 9 a 18.
Le macchine numerate 1-7 e 23 provengono dalla rete dell'enorme miniera serba di rame di Bor, costruite dalle officine belghe di Haine-Saint-Pierre, con apparecchiatura elettrica BBC, nel 1953 eccetto per la numero 7 che è del 1942.

[attachment=3]

Oggi il trasporto dalla cava alle tramogge avviene con delle enormi frese semoventi e nastri trasportatori, non si usano più i binari provvisori e quindi sono strati eliminati i pantografi laterali e sostituiti gli altri con dei monobraccio.


Questa famiglia di coccodrilli condivide con quelli del Drinc la foggia e lo scartamento, mi chiedo allora dove e quando sia nato lo scartamento 900mm.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fferrab - 28 Agosto 2016, 08:02:20
Ottimo, grazie Ellis per la spiegazione sull'utilizzo dei pantografi laterali. Quindi qui utilizzano mezzi ex cechi, tedeschi forse forniti direttamente ed ex miniera di Bor. Ma la rete a s.r. di questa miniera non è più attiva? Ho provato a cercare immagini ed effettivamente non vedo binari.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: ellis barazzuol - 28 Agosto 2016, 17:08:45
Da quel che ho capito lo scartamento è stato convertito in occasione dell'apertura, nel 1967, della nuova ferrovia da Zajecar che ha sostituito la vecchia linea a scartamento 760mm da Metovnica.

Ho trovato questa vecchia foto della miniera coi binari e i regressi

[attachment=1]



Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: AndMart - 29 Agosto 2016, 08:33:29
Le due foto pubblicate da Ellis con cazzillo + escavatore a fune per me sono... da infarto immediato!!!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: paco - 30 Agosto 2016, 00:50:21
Bellissimo, davvero complimenti, il ridotto in Serbia è incredibile!!  :o
 
Ero di passaggio a Subotica a inizio marzo e difatti mi sembrava che gli Sinobus non fossero più in circolazione ma qualche ferroviere mi diceva che le sostituzioni sarebbero partite da fine anno.. Una domanda: come si ottiene un'autorizzazione dalle ferrovie serbe e in che lingua richiederla?     
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Praz© - 30 Agosto 2016, 08:11:49
A quando il proseguio del viaggio???  :P :P :P
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fas - 30 Agosto 2016, 23:26:31
Che figata!  :P
Se c'è posto, per il prossimo viaggio mi aggrego volentieri. 8)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: ellis barazzuol - 31 Agosto 2016, 03:31:41
Citazione
A quando il proseguio del viaggio???
A mai! Perché con tutto quella sbobba a scartamento ridotto fatta con luce zenitale, solo due zenitali potevano andarsene nel momento della luce bella delle 18.... :-\

Infattamente ci siamo spostati da Vreoci a Resavica.
In questa mappa si vede che è il capolinea di una linea solo merci che si stracca a Markovac

http://www.bueker.net/trainspotting/map.php?file=maps/serbia---montenegro/serbia---montenegro.gif (http://www.bueker.net/trainspotting/map.php?file=maps/serbia---montenegro/serbia---montenegro.gif)

A Resavica c'è un'altra miniera di carbone, stavolta sotterranea, dove ci sono 2 vaporelle che avevo visto utilizzate in alcuni racconti di appassionati stranieri.
Noi arriviamo all'imbrunire, c'è giusto il tempo per una foto alla decauville ferma all'ingresso della miniera

[attachment=1]

La ferrovia a scartamento normale è arrivata qui nel 1960, prima di allora il carbone veniva caricato nella vicina Ravna Reka, collegata a Cuprija da una ferrovia a scartamento 760mm chiusa nel 1962/67.
Resavica è quindi un villaggio operaio edificato negli anni '60 che ora risente della crisi della miniera, c'è giusto un ristorante con annesso albergo che ha conosciuto tempi migliori.
Al mattino annusiamo l'aria alla ricerca del profumo di vapore che non c'è. La linea è una giungla, il piazzale della stazione un prato fiorito, ma ci sono dei carri. Nella rimessa annessa alla piattaforma è ricoverata una vaporella, ma l'erba fuori è alta, per terra ci sono degli scarti del ceneratoio di circa 2 anni prima, infatti l'ultima volta che hanno acceso le vaporelle è stato a ottobre 2014 per un gruppo di tedeschi, ma il risultato fu deludente a causa del cattivo stato dei mezzi che non vedono una revisione da circa 30 anni!
Ci avviciniamo allo stabilimento di carico del carbone, ma è troppo pericoloso stare lì: c'è il rischio che qualcuno ci porti delle pale e ci faccia lavorare  8)
Cerchiamo un interlocutore, ma nessuno parla una delle lingue che conosciamo, comunque riusciamo a far capire i nostri intenti e ci accompagnano sotto le tramogge dove un cazzillo malconcio senza condotta del freno ha iniziato a manovrare i carri.

[attachment=2][attachment=3]
Si notano le fattezze del fabbricato viaggiatori che tradiscono l'epoca recente di costruzione della linea.


La luce è splendida e noi possiamo scorrazzare liberamente all'interno di uno stabilimento attivo, senza dpi o accompagnatori  :D

[attachment=4]


Sotto le tramogge giace la seconda vaporella, anche questa bisognosa di manutenzione.

[attachment=5]

Se non ho capito male, i treni arrivano a giorni alterni, trainati da una delle 3 Diesel 666, macchine rispettate perché quando c'era Lui (Tito) trainavano il Suo treno blu.
Vabbè, anche qui siamo arrivati con qualche anno di ritardo, ma il cazzillo merita lo stesso.


Ora ci spupazziamo altri 200km verso sud per andare incontro a un espresso internazionale che chissà quante ore di ritardo avrà. Per lo meno è ha trazione termica dal confine Bulgaro fino a Nis (si pronuncia Nisc)

Mentre valutiamo i punti foto incrociamo un merci di cisterne che riusciamo a fotografare in ingresso a Niska Banja. Abbiamo l'autorizzazione a fotografare in tutte le stazioni della linea, ma l'abitudine di farlo di nascosto ci spinge a darci alla macchia
C'è pure da aspettare perché il treno è lentissimo e lungo la linea abbiamo visto un indicatore di velocità 10km/h

[attachment=6]

Anche in questa stazione arrivava una ferrovia, a scartamento 600mm, a servizio di una miniera di carbone. Una delle 2 vaporelle è monumentata nel museo cittadino.

Torniamo a esplorare la linea, in una stazioncina minima intervistiamo il capostazione circa l'andamento dei 2 treni viaggiatori internazionali. Capiamo che sono in ritardo di almeno 2 ore e ipotizza un incrocio sporadico (dice proprio sporadican  :))
Li becchiamo entrambi a un cavalcavia, il secondo lo inseguiamo comodamente.
Mi chiedo come possa continuare un servizio così scadente per i miei amici oligarchi russi: treni lentissimi, composizioni inconsistenti, ritardi a raffica e frontiere come se piovesse. L'autostrada oltre Nis è in costruzione, alcune tratte sono già aperte e questo avrà delle inevitabili conseguenze nell'immediato futuro ferroviario.

[attachment=7]


Grazie ai ritardi la giornata volge già al termine, ci aspettano al solito golf club di Belgrado per dormire e alla solita mangiatoia in collina. Stavolta riesco a fargli tirar fuori dalle riserve acquee una bottiglia da litro.

Il mattino seguente visita alla capitale e al suo museo ferroviario gratuito. Ci sarebbero tante cose da imparare, ma non vendono nulla e usciamo ignoranti come prima.
In una cartina delle linee noto però l'interessante presenza di traghetti sul Danubio. Mi spiego perciò la presenza di linee dirimpettaie e la mancanza dei ponti.

[attachment=8]


Tra i tram di Belgrado segnalo la presenza di composizioni a comando multiplo, alcune unità accoppiate sono prive di pantografo, altre ce l'hanno legato.
Qui si vede una composizione, di fronte alla vecchia stazione centrale di testa, destinata ad essere soppiantata dalla già aperta nuova stazione passante.
Il cartellone di sfondo pubblicizza il progettato water-front sul Danubio, utilizzerà l'area dello scalo ferroviario e dei vecchi magazzini del porto fluviale (in parte già convertiti in eleganti locali della movida italianeggiante)

[attachment=9]

Il meteo peggiora e noi sentiamo il bisogno di macinare qualche chilometro. Puntiamo perciò a Zrenjanin dove troviamo i 2 Sinobus tenuti di scorta e una fila di altri accantonati.
Siccome uno dei 2 rimorchi è strafatto, metto questa foto di testimonianza.

[attachment=10]


Jacopo può integrare con le cosette mancanti e l'ultima parte del viaggio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Praz© - 31 Agosto 2016, 08:20:48
Risbavo multiplo.

Citazione
solo due zenitali potevano andarsene

Sono ancora ribaltato dalle risate!!!  ;D ;D ;D ;D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 31 Agosto 2016, 08:28:55
 ;D  ;D
In realtà ce ne siamo andati mooolto prima, alle 15... siamo passati da Kragujevac (dove c'è la FIAT) ma era tutto chiuso per ferie. Avevamo anche trovato un bel punto sul raccordo....
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: AndMart - 31 Agosto 2016, 08:35:17
Il cazzillo di Resavica sembra accantonato (e mezzo demolito sul posto) da decenni ed invece si muove ed è in servizio. Incredibile!  :o
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marcocarlone - 31 Agosto 2016, 09:18:49
La foto alla 661 a Crveni Breg vale il viaggio!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Davide Vicenza - 31 Agosto 2016, 09:39:16
Sempre molto interessante il fotoracconto di questo viaggio!

 :)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fferrab - 31 Agosto 2016, 10:02:44
Avrei scommesso che eravate andati anche a Resavica!! Se riesco nel pomeriggio vi giro un paio di foto prese dal libro già menzionato.
Comunque bellissima atmosfera decadente col cazzillo-zombie
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: giovanni andretta - 31 Agosto 2016, 13:32:58
Grazie ragazzi! Report interessantissimo da zone per me sconosciute! Da guardare e rileggere più volte...per me c'è solo da imparare.
Ciao, g.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 31 Agosto 2016, 13:36:42
La foto alla 661 a Crveni Breg vale il viaggio!

Eh gia!  :D :D

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: hjr - 31 Agosto 2016, 13:47:09
Bellissimo resoconto di un interessantissima esperienza in zone poco conosciute. Commento chiaro e piacevole, corredato da splendide immagini.
Complimenti.
Hans
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: marco felisa - 31 Agosto 2016, 15:27:11
Il racconto si fa sempre più interessante, l'avevo lasciato con i Tatra delle collinari e ritrovo lo scartamento ridotto minerario ! Che posti e che bel giro
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: roberto morandi - 31 Agosto 2016, 19:28:03
Balcani sempre affascinanti, bella la Croazia ma la Serbia fantastica.
Mi spiace per i tramvetti di Osijek, che erano sì bei monocassa e ora sono ridotti a tabelloni pubblicitari
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 04 Settembre 2016, 12:30:22
Integro, passo e chiudo  8)

Discorso autorizzazione: basta mandare una mail all'info delle ferrovie serbe; loro ti chiedono i giorni e le stazioni in cui hai intenzione di fare foto, unito a nominativo e numero documento di riconoscimento.
Dopodiché, tempo un paio di giorni, ti spediscono via mail il pdf timbrato e firmato dalle ZS.
Personalmente ho cercato di far capire loro che i nostri movimenti erano dettati soprattutto dal meteo e, data la scarsa copertura di stritviù, ci era complesso decidere a priori dove fermarci a scattare. Sono così riuscito ad ottenere una autorizzazione "per tratte" e non per stazione: in pratica, accanto al giorno, c'era indicata una dicitura del tipo "fotografie tra X e Y".

Tornando e racconto e foto...
Il giorno 16/8, come ben descritto da Ellis, scorazziamo nel raccordo di Resavica: tra le foto, manca giusto questa, con gli eanos in fase di carico:

(https://c1.staticflickr.com/9/8576/29155750630_365afc8cff_b_d.jpg)

Chiuso il capito Resavica, giriamo il biroccio a sud e ci portiamo sulla Nis-Dimitrovgrad. Scattata la foto al merci, ci piazziamo in stazione a Crveni Reka, obiettivo il Belgrado-Sofia. Che ha due ore abbondanti di ritardo, per cui l'unica foto è a questo catafalco rosso e russo:

(https://c1.staticflickr.com/9/8070/29409767376_940aef0681_b_d.jpg)

Il cavalcavia in ingresso a Bela Palanka ci permette una doppia inquadratura: prima, al Belgrado-Sofia (due ore abbondanti di attesa sotto il sole a picco), qui in un esterno curva che valorizza la composizione minima ma variegata e che mi piace assaj:

(https://c1.staticflickr.com/9/8524/29364206081_024105b25e_b_d.jpg)

[nota: qua il pdm, appena ci ha visti, ha FERMATO il treno per farci fare la foto meglio]

Quindi al Sofia-Belgrado, pure lui con le sue due ore abbondanti di ritardo:

(https://c1.staticflickr.com/9/8444/29445200395_a357709e07_b_d.jpg)

La velocità di marcia ha punte di 30 all'ora, perciò si insegue:

(https://c1.staticflickr.com/9/8306/29444119465_ffe8744712_b_d.jpg)

Il giorno seguente, 17/08, visitiamo con calma Belgrado; il tempo non è granché, sprazzi di sole e cielo pappa. Ne approfittiamo per qualche scatto ai tram e per fotografare un materiale ordinario nella stazione che tra qualche anno sparirà:

(https://c1.staticflickr.com/9/8674/29364211641_f61d75719c_b_d.jpg)

Nel pomeriggio piove, noi andiamo a Zrenjanin. Oltre alle due coppie di Sinobus rimodernate atte (304 e 305), ce ne sono altre 4 rimodernate e ormai cannibalizzate, oltre a 9 (o 10) Sinobus originali ormai in via di autodemolizione:

(https://c1.staticflickr.com/9/8094/28822452773_24b2be09b1_b_d.jpg)

Giovedì 18/08 ci troviamo con Milos, appassionato conosciuto su Flickr, che ci accompagna in alcuni punti fuori Belgrado. La giornata si presenta pessima (c'è persione il nebbione), con notevoli difficoltà a capire come scattare. Nei pressi di Stara Pazova, sulla linea elettrificata per Sid/Croazia, ci sono un paio di cavalcavia puliti, dove immortaliamo un po' di transiti:

prima, un treno da Pancevo:

(https://c1.staticflickr.com/9/8541/29444140185_9b25d476e1_b_d.jpg)

quindi, altre cisterne stavolta con una 441:

(https://c1.staticflickr.com/9/8165/29444137055_2096c29574_b_d.jpg)

poi un treno di acciaio con strani carri olandesi:

(https://c1.staticflickr.com/9/8292/29335911492_e8c4ae5e67_b_d.jpg)

Infine LUI, l'Oprima Villach-Edirne, uno dei GRANDI obiettivi del giro (ci sarebbe piaciuto farlo sulla Nis-Dimitrovgrad con una bella 661, ma visti i ritardi e la mancanza della traccia, ci accontentiamo comunque):

(https://c1.staticflickr.com/9/8282/29364237201_cd0f15778d_b_d.jpg)

[nota2: la linea è una della più "veloci" della Serbia; lo spazio tra i due binari di percorrenza + per una futura - e futuribile - alta velocità]

Torniamo quindi a Belgrado, che si presenta con un pallido sole. Gironzoliamo nella zona portuale, sperando di beccare una tradotta (la linea è usata per un treno al giorno di materiale pericoloso, che evita così il centro città).

Ci appostiamo su un bel ponte, dove inizialmente ci dedichiamo ai tram. Qui, un'ex Basilea sulla linea 11:

(https://c1.staticflickr.com/9/8451/28820238914_cf6a960380_b_d.jpg)

Quindi la solita doppia:

(https://c1.staticflickr.com/9/8269/29409770696_99daa1b52d_b_d.jpg)

Dopo altre due ore di attesa, un miraggio:

(https://c2.staticflickr.com/8/7463/28820249904_e87cff214f_b_d.jpg)

La luce è la peggiore possibile, ma va comunque alla grande, con l'ex scalo merci cittadino sullo sfondo, ormai demolito! Salutiamo Milos e iniziamo il nostro rientro in Croazia. Ultima foto del giorno nell'ex scalo di Vinkovci, dove ricordavo buddizzati due Sinobus croati:

(https://c1.staticflickr.com/9/8464/29444135525_193830fd18_b_d.jpg)

L'ultimo giorno siamo operativi in zona Vinkovci, stazione da cui si diramano parecchie simpatiche lineette diesel. Prima, uno sguardo in stazione, con una 7122 in vecchia livrea:

(https://c1.staticflickr.com/9/8164/28820242194_1239c26f17_b_d.jpg)

L'accoppiata decide di aspettarla in un punto agreste, ma la stanchezza di 10 giorni si fa sentire: infatti il duo sbaglia linea e dell'automotrice nemmeno l'ombra. Fortuna vuole, che nel giro di poco, passi comunque un'altra 7122:

(https://c1.staticflickr.com/9/8410/29364224541_358a23d815_b_d.jpg)

Si va quindi a Vukovar, per studiare un po' di storia e vedere il suo porto fluviale, il più grande della parte orientale della Croazia.

La stazione è moderna e più arretrata rispetto a quella bombardata (e ancora visibile dalla strada):

(https://c1.staticflickr.com/9/8384/29335903332_c57599bf5c_b_d.jpg)

Il porto è raccordato (con tanto di cazzillo), ma inaccessibile. Scatto comunque una foto d'insieme, che mi piace lo stesso:

(https://c1.staticflickr.com/9/8139/29335905572_bf8048b851_b_d.jpg)

Siamo agli sgoccioli: dopo un ottimo burek, puntiamo ad un'ultima foto a Vinkovci. Stavolta azzecchiamo la linea, ma sbagliamo treno: ne aspettiamo uno per mezzora, peccato non circoli fino a settembre!  :-* :'( :-[

E' il segnale: montiamo in macchina, entriamo in autostrada e ci spariamo Vukovar-Gorizia in un'unica tirata.

Il viaggio è finito. Una bellissima avventura, spero di tornarci quanto prima.

 :D :D :D

Grazie a tutti e buona (ultima) visione.

Ciao!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Steve - 04 Settembre 2016, 16:58:49
Ho aspettato il completamento del racconto per esprimere nuovamente i miei complimenti al duo Baragliani che si spinge sempre più a est! :P
È interessante vedere fotografie di zone e linee che ho percorso ma non fotografato, soprattutto  i tram di Belgrado rispecchiano il fascino della città!
Croazia: belli belli i materiali ordinari gravitanti intorno a Osijek e interessanterrima la linea 15 rurale di Zagabria!
Serbia: simpatici i treni internazionali e merci intorno a Belgrado, ma le vetture russe che ha il Sofia sono WL o posti a sedere? Tra parentesi mi ricordavo molto più graffittati i treni serbi, più che le loco mi riferisco alle carrozze. Vreoci e dintorni meritano una visita solo per loro.  O0
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Pietro Rizzo - 04 Settembre 2016, 17:50:31
Bello e interessante tutto il giro,ma la foto della 661 a Bela Palanka secondo i miei canoni è spettacolare!! c'è tutto al posto giusto!!
Ciao :)
P.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 05 Settembre 2016, 08:44:42
Grazie! Ovviamente se avete dubbi e curiosità non fatevi problemi: se sappiamo le risposte, ve le diamo!  ;D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: fabribo - 05 Settembre 2016, 09:06:16
, ma le vetture russe che ha il Sofia sono WL o posti a sedere? .  O0

Posso rispondere Io??  :'(

Sono WL uguali a quelle del Mosca-Nizza costruite in Svizzera.
Tra l'altro le due WL sono dirette una a Burgas e l'altra a Varna

http://www.vagonweb.cz/razeni/vlak.php?zeme=ZS&kategorie=B&cislo=491&nazev=Balkan&rok=2016 (http://www.vagonweb.cz/razeni/vlak.php?zeme=ZS&kategorie=B&cislo=491&nazev=Balkan&rok=2016)

Ottima anche quest'ultima infornata, anche se tutte le foto dei sinobus fermi non mi dicono gran che!  :-[, mentre quelle di Belgrado le invidio parecchio!  :D

Saluti.
Fabrizio.
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Davide Vicenza - 05 Settembre 2016, 09:48:34
Ottimo reportage, niente da dire, solo complimenti.

 :)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: belzebou - 08 Settembre 2016, 22:00:06
Razza di furbone. Hai tenuto le foto migliori all'ultimo e dopo che tutti noi eravamo convinti che il topic fosse morto e sepolto ;D ;D ;D
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Jacopo Cagliani - 08 Settembre 2016, 22:43:35
Ah ecco. Mi ero preoccupato...  O0
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Praz© - 09 Settembre 2016, 07:48:19
Le foto a nafta un gradino sopra le altre! Culo tremendo la tirata dallo scalo in decomposizione!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: MassimoR - 09 Settembre 2016, 09:36:26
Bellissimi gli internazionali con vetture russe in TD  :P
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: candiano - 09 Settembre 2016, 12:34:45
Mi viene da ridere pensando che mi avevi chiesto, Jacopo, informazioni su quello che avreste potuto vedere là...
Non sapevo una mazza di quelle zone, e dopo aver letto il bellissimo racconto sono molto meno ignorante di voi all'uscita del museo di Belgrado!
Per me è tutto bellissimo, dal cazzillo erboso ai coccodrilli elettrici, passando, soprattutto, per i sedili in fintocammello della 128!
Cosa posso dire... bravi, ancora, verrei anch'io la prossima volta... ma ho paura di poter essere distratto (fotograficamente parlando, s'intende...) dalla gnocca che gira da quelle parti, che invece non ho visto nelle vostre immagini!
Bravi ancora e grazie per averci resi partecipi!
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: omar - 09 Settembre 2016, 14:10:04
Buon ultimo mi accodo ai complimenti per questo racconto di viaggio bellissimo con tanta invidia per le foto del russo con la 661 112 e le foto del raccordo super erboso con cazzillo zombie. BROAT  :P
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Franz - 09 Settembre 2016, 14:10:47
Bravissimi.

Pensate che dallo scalo cittadino di Belgrado partiva un treno internazionale per Bucarest, appena dopo aver compiuto un regresso sul piazzale.
A Bela Palanka ho scattato esattamente la vostra stessa foto, se la ritrovo la posto qui.

Ancora complimenti per il bel giro  8)
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: Franz - 12 Settembre 2016, 23:23:02
Ecco la foto del treno internazionale a Bela Palanka. 5 anni fa meno Russia, piu` Turchia  ;D

[attachment=1]
Titolo: Re: Croazia+Serbia 2016: chissà cosa c'è scritto...
Inserito da: belzebou - 13 Settembre 2016, 23:22:12
Molto bella e interessante Francesco :o