Autore Topic: Elettrico - E.623  (Letto 862 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Praz©

  • Forum Admin
  • Direttore Compartimentale
  • *****
  • Post: 38.008
  • <datemi il Prazene!>
Elettrico - E.623
« il: 06 Settembre 2017, 13:25:46 »
E.623

E.623.612, 629

E.623.100, 106

4 unità esistenti, 2 unità atte

NOTE:

100: Fondazione FS ex Proprietà LFI, accantonata DL Arezzo
106: Museo Pietrarsa
612: DRS Tirano
629: DRS Tirano

Gruppo E.623.100-107, 600-615, 616-631
Unità costruite 8 + 16 + 16 (come E.100, E.600 a terza rotaia, rimorchi pABz)
Vel.Max. 110 km/h
Potenza 720 kW
Rodiggio Bo'Bo'
Anni di costruzione 1931-1932 come E.100 ed E.600
Anni di trasformazione in E.623 1951
Anni di motorizzazione rimorchi pABz in E.623.616-631 1955-1960
Costruttori: Breda CGE

Nate come unità motrici a terza rotaia per le linee varesine, erano divise in due gruppi. Le E.100 erano allestite con posti di sola prima classe, le E.600 con posti di prima e terza classe. A inizio anni '50 tutto il sistema a terza rotaia venne convertito ai 3000Vcc e il materiale trasformato. Vennero inoltre allestite altre 16 elettromotrici motorizzando altrettanti rimorchi di comando. Nacque così il gruppo EACz, EABz dal 1956. Sono sempre state assegnate al DL di Milano S.Rocco per i servizi sulle linee di Varese e Novara. Gli accantonamenti sono iniziati a metà anni '80, risparmiando solo le unità 612 usata per le corsette del personale a Milano, la 618 usata come mezzo di prova per le Officine di Gallarate, la 629 per le corsette e le unità 100, 107, 607 e 622 vendute alla LFI di Arezzo nel 1989. Di queste ultime la 100 era esemplare pseudo storico, ora accantonata. Le altre tre venenro radicalmente ricostruite e snaturate. Altre unità scampate alle demolizioni iniziale furono la 621, revisionata nel 1987 e destinata alle corsette fra Napoli e il museo di Pietrarsa - mai effettuate - e demolita nel 1995 e la 106, riportata allo stato d'origine a terza rotaia ed esposta a Pietrarsa. 



Stefano "Praz©" Paolini

La mia esistenza non ti tange e quindi posso vivere tranquillo