Il sito italiano di fotografia ferroviaria----

 

di Stefano Paolini-----

Questo mese ...
   Online MAGGIO
Archivio immagini
   50.000 foto, divise per tema
OLDIES: foto d'epoca
   Indice per autore e mezzo
Wallpapers
   Per il tuo desktop!
Forum On Rail!
   Topics e oltre 70.000 foto
Photorail su Facebook
   Immagini e discussioni su FB
Photorail su Flickr
   Una selezione di fotografie
Agenda Treni Storici
   Date e orari dei treni speciali!
Rotabili parco storico
   La situazione aggiornata
Rotabili ferrovie private
   IF, private e tranvie
Photorail GEO
   Guida ai punti fotografici
Articoli mensili
   2001-2008: storia e foto
Motore di Ricerca
   Cerca le tue loco preferite!
Links
   Siti di foto da tutto il mondo

Uno dei sette elettrotreni OMS Stanga del 1962 (811-817) viaggia verso Fiuggi con un ospite nella cabina posteriore. Siamo all'ingresso di Cave, sul viadotto lungo la SR155, uno dei punti che negli anni '70 e '80 sarà il cavallo di battaglia per i fautori della chiusura della ferrovia, insieme al difficile attraversamento delle strette vie del medesimo comune di Cave. Qui la ferrovia cessò il servizio nel Dicembre del 1983, dopo più di 15 anni di agonia, fra continui disservizi per incidenti con automezzi o sospensioni anche di lunga durata per frane e dissesto del binario. Da quella data il servizio della fu gloriosa Roma-Fiuggi-Alatri e diramazioni fu limitato a Pantano Borghese, di fatto cancellando lo scopo originario con cui fu costruita nei primi anni del '900 la tratta, ovvero collegare i paesi a est di Roma, sviluppando il turismo verso le fonti termali di Fiuggi. La motorizzazione di massa, il disordine edilizio e viario, la pochissima manutenzione della linea e dei terreni attraversati furono tutte concause che la Regione Lazio e la stessa Acotral cavalcarono volentieri quando si trattò di realizzare facili economie di esercizio, tagliando cioè senza investimenti un'opera di tutto rispetto. Eppure una ferrovia che arrivò al massimo splendore nel 1933 con 139 km di estensione, servizi navetta, servizi urbani in Fiuggi, Frosinone e Roma, molte connessioni con le linee FS e con i tram era parte di un disegno di trasporto articolato e avanti nel tempo. Ma quando ci si mette mamma Fiat, in Italia - che passi per la firma di un Ministro dei Trasporti ripugnante o per il voluto lassismo di enti locali - non c'è nulla da fare... Foto Vittorio Pascale.

-------------Collaborazioni------------Contatti----------